Ecco Quag, il social italiano che sostiuisce gli amici con gli interessi

Quag-we-serach-together

Non è un neonato ma è ancora molto giovane e si chiama Quag, il  nuovo Social Network che riunisce coloro che sono accomunati dagli stessi interessi.

E’ una rete sociale interamente italiana, un progetto concepito da Luca Giorcelli e nato durante il mese di marzo del 2013. Si basa sugli interessi e sulle ricerche condivise, creando interazioni tra utenti che sono animati dagli stessi appetiti e tra coloro che effettuano ricerche simili, sfruttando un algoritmo proprietario (Sbig) che permette di restituire argomenti aderenti agli interessi manifestati durante le ricerche stesse.

Come funziona
“Il nostro algoritmo va oltre i tag o le categorie predefinite” – spiega Luca Giorcelli – “lasciando liberi gli utenti di esprimere i propri interessi. Sbig miscela tre livelli di connessione: sinonimi, concetti correlati e iperonimie” (relazioni semantiche tra due o più parole). Quindi è in grado di correlare termini quali “abbigliamento” e “camicia” oppure “futurismo” e “letteratura”. La tecnologia di fondo, chiamata Interest Graph, connette gli utenti in base agli interessi dichiarati e Sbig fa il resto.

La ricerca si fa social

L’Add-on di Quag – per Chrome e Firefox – permette di ricevere notifiche anche dalle reti sociali a cui si è iscritti, oltre a rendere disponibili le proprie funzioni sui maggiori motori di ricerca (Google incluso) e su siti specifici quali eBay e Amazon.

A chi può essere utile
Poiché è pensato per condividere conoscenza, è utile a più di una categoria di infonauti: studenti, neofiti, esperti e curiosi. La registrazione a Quag può essere effettuata anche sfruttando gli account di altre reti sociali (Twitter, Facebook e Google +) e permette di utilizzare la ricerca interna che mette a disposizione gli interessi e le informazioni fornite dagli altri utenti (i “quaggers”).

Relazioni, reputazione e privacy
I contatti vengono creati non sul concetto di “amicizia” ma su quello di “interesse comune”, gli argomenti sviluppati, così come le discussioni e le risposte alle domande specifiche poste dagli utenti, vengono valutate da altri quaggers, è quindi la comunità che stabilisce il grado di preparazione di chi vi partecipa. Nessun utente può vedere le ricerche specifiche effettuate dagli altri ed è prevista l’interazione in forma anonima. La ricerca diventa punto di incontro, così come suggerisce il nome Quag, contrazione di Query e Tag.

Il link al sito: Quag (www.quag.com)

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...